Adamantia

La zia Adamantia, che proveniva da una tradizionale famiglia signorile di Paxos, ha donato la sua Villa compresi gli edifici circostanti e il terreno a sua nipote Marta.

Marta insieme al marito hanno avuto l’idea di trasformare la proprietà, risalente al 17° secolo, in un tradizionale alloggio per i turisti. Nel 1985, l’alloggio, caratterizzato come un insieme di architettura di patrimonio tradizionale culturale, è aperto per la prima volta al pubblico, con il nome ‘Adamantia’ in onore della zia, e da allora funziona con la licenza di appartamenti tradizionali ammobiliati. Col passare degli anni, si è ottenuta la trasformazione della licenza anche degli altri edifici della proprietà come appartamenti tradizionali ammobiliati.

Attualmente, tale struttura turistica opera come un’ impresa familiare, basata soprattutto sul sostegno dei genitori e dei figli, i quali offrono con piena ospitalità e passione i loro servizi ai vari clienti, in modo da rendere il loro soggiorno piacevole e confortevole.